Logo

Lech Kolasiński

Lech Kolasiński, è un pittore di Cracovia (Polonia) che presenta opere in stile colorista. Ha affrontato l’argomento del pane in maniera feticista, come argomenta lui stesso: “Per le persone provenienti da grandi città, la necessità di contatto con la natura diventa un’esigenza mistica. Nella ricerca di un domani migliore, non vediamo le possibilità di fermarci e capire questo domani. La fame di natura è come la fame di pane. Il paesaggio può diventare il momento della calma. Fermati, senti, ripensaci.

I suoi dipinti risuonano di una certa sensazione di sicurezza, dove ad essere mostrato è il nostro ancestrale bisogno di vivere in armonia con le piante. La dissociazione con l’ambiente naturale può causare una grande fame per esso, come in altre situazioni della nostra vita in cui prendiamo coscienza di qualcosa o qualcuno che manca. Ma connettersi, per davvero, con la natura si può rivelare pericoloso, non dimentichiamo che siamo stati e potremmo ancora essere cibo per altre creature. Lech Kolasiński elimina deliberatamente la parte pericolosa, così il vero ambiente naturale appare ancora più lontano, e il sentimento di sicurezza diventa ancora più forte e critico.

con il contributo di:

torna su

comitato scientifico:

Vincenzo Santochirico
Antonio Calbi
Giancarlo Chielli
Ferdinando Felice Mirizzi
Roland Seiko

partner del progetto:

Istituto Luce-Cinecittà | AAMOD (Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico) | Compagnie Famille Mundi | Conservatorio Musicale E.R.Duni di Matera | International Council for Cultural Centers (Bread House – Gabrovo) | Association Tourisme et Développement Duralble des Terriotoires (Master Università Montepelier) | New Destination Network | Consorzio Città Essenziale | CVETOSCOP - coop | Unibas - Dicem e Accademia delle Belle arti di Bari | Associazione Giallo Sassi | il Forno di Gennaro - Gennaro Perrone & C. s.r.l.


media partner: